Get Adobe Flash player
orario_messe_4

IN EVIDENZA

2 OTTOBRE – Ore 19

S. MESSA e Incontro con i Novizi della
Congregazione di S.G.B. Piamarta
Sono invitati tutti i giovani!


8 OTTOBRE

Festa di inizio delle attività di tutte le realtà parrocchiali


Pellegrinaggio in TERRA SANTA
“Storia e geografia della salvezza” (Paolo VI)

1 – 8 gennaio 2018   Referente: Flora Boschetto

La Fontana di Sant’Anna

La Fontana di Sant’Anna

Periodico della Commissione Anziani

Newsletter S.Anna

Iscriviti alla nostra newsletter e ti terremo informato:

* Questo campo è obbligatorio
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Visitatori Online

Visitatori online – 83:
Utenti – 1
Ospiti – 65
Bots – 17
Il numero massimo di visitatori è stato – 2016-09-03:
Tutte le visite – 5438:
Utenti – 389
Ospiti – 4213
Bots – 836
browser – Firefox 41.0

Archivi del mese: luglio 2012

Amami come sei

Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima,  le deficienze e le infermità del tuo corpo.
So la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso: "Dammi il tuo cuore, amami come sei…"
Se aspetti di essere un angelo per abbandonarti all'Amore, non amerai mai.
Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, e se ricadi in quelle colpe che vorresti non commettere più: non ti permetto di non amarmi.
Amami come sei …
In ogni istante e in qualunque situazione tu sia, nel fervore o nell'aridità, nella fedeltà o nella infedeltà, amami come sei …
Voglio l'amore del tuo povero cuore; se aspetti di essere perfetto, non mi amerai mai.
Non potrei forse fare di ogni granello di sabbia un serafino radioso di purezza, di nobiltà e di amore ?
Non sono forse io la Verità e la Vita in seno all'Onnipotente?
E se mi piace lasciare nel nulla quegli esseri meravigliosi e preferire il povero amore del tuo cuore, non sono io padrone del mio Amore ?
Figlio mio, lascia che ti ami, voglio il tuo cuore.
Certo voglio col tempo trasformarti ma per ora ti amo come sei…
e desidero che tu faccia lo stesso; io voglio vedere dai bassifondi della miseria salire l'amore. Amo in te anche la tua debolezza, amo l'amore dei poveri e dei miserabili; voglio che dai tuoi cenci salga continuamente un gran grido "Gesù Ti Amo".
 
Voglio unicamente il canto del tuo cuore, non ho bisogno né della tua scienza, né del tuo talento.
 
Una cosa sola m'importa, di vederti lavorare con amore.
Non sono le tue virtuosità che desidero; se tu ne avessi troppe; sei così debole che potrebbero alimentare la tua superbia e il tuo orgoglio.
Non ti preoccupare di questo.
Ogni nato è destinato al grande bene.
No, non sarai il servo inutile; ti prenderò per mano con il poco che hai…
perché sei creato soltanto per accrescerti e trasformarti.
Oggi sto alla porta del tuo cuore come il mendicante, Io il Re dei Re!
 
Busso e aspetto; affrettati ad aprirmi: Non farti alibi delle tue miserie interiori.
Se tu conoscessi perfettamente i falli e le tue omissioni: morresti di dolore.
Ciò che mi ferirebbe il cuore sarebbe di vederti dubitare di me e mancare di fiducia.
 
Voglio che tu pensi a me ogni ora del giorno e della notte; voglio che tu faccia anche l'azione più insignificante, ma per amore, solo per amore.
Conto su di te per darmi gioia…
Non ti preoccupare di non possedere virtù: ti darò le mie.
Quando dovrai soffrire, ti darò la mia forza.
Mi hai dato l'amore, ti darò di saper amare al di là di quanto puoi sognare…
Ma ricordati … Amami come sei …
Ti ho dato mia Madre; fa passare in te la sua purezza
e il suo immenso cuore, per esserci anche tu nel nuovo Mondo !
Qualunque cosa accada, non aspettare di essere santo per abbandonarti all'amore, non mi ameresti mai … Và 
 
Monsignor Lebrun

Alla scoperta di Padre Piamarta

 

Abbiamo aggiornato la pagina della Congregazione, aggiungendo alcuni interessanti documenti, per aiutarci a comprendere meglio il messaggio di cui fu portavoce Padre Piamarta.

Li trovate in fondo alla pagina:

  • L'umiltà di P.Piamarta
  • Piamarta e il lavoro
  • Piamarta e il quotidiano
  • Piamarta e la cultura
  • Piamarta sacerdote bresciano
  • Piamarta Santificarsi
  • Spiritualità di P.Piamarta

Venite in disparte e riposatevi un pò

Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto e riposatevi un po’ … questa frase di Gesù mi sembra essere la più bella definizione della preghiera e della domenica! Così preghiamo nel prefazio del Giorno del Signore: “È veramente giusto benedirti e ringraziarti, Padre santo, sorgente della verità e della vita, perché in questo giorno di festa ci hai convocato nella tua casa. Oggi la tua famiglia, riunita nell’ascolto della Parola e nella comunione dell’unico Pane spezzato, fa memoria del Signore risorto nell’attesa della domenica senza tramonto, quando l’umanità intera entrerà nel tuo riposo. Allora vedremo il tuo volto e loderemo senza fine la tua misericordia. Con questa gioiosa speranza, uniti agli angeli e ai santi proclamiamo a una sola voce l’inno della tua gloria: Santo, Santo, Santo …”.

Il Paradiso, la Vita eterna vengono presentati come il Riposo ed allora comprendiamo come il “riposatevi” di Gesù non è nient’altro che aprirci un momento il Paradiso e farci entrare nella Comunione divina, farci sentire il suo abbraccio, la sua presenza ristoratrice e risanatrice. Anche lo Spirito Santo viene presentato come Riposo nella fatica. Riprendiamoci il tempo della preghiera quotidiana e domenicale sia personale che familiare come una straordinaria occasione di riposo, di pacificazione e di rigenerazione. Trova il tuo angolo di preghiera e provaci! Buona settimana con un grande abbraccio!   

Padre Giancarlo

Programma Festa Sant’Anna 2012

Nulla ci può separare dall’amore del Padre

Anche questa settimana Padre Giancarlo ci delizia con una sua riflessione. Grazie di cuore!!!

"In Gesù, Dio Padre ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere figli adottivi … L’inno con cui San Paolo inizia la lettera ai cristiani di Efeso (seconda lettura della messa di domenica) è un atto di ringraziamento al Padre per il dono straordinario di suo Figlio Gesù. 

Davanti a questo stupendo disegno non possiamo che lodare e magnificare il Signore per quanto ha fatto per la nostra salvezza … Invece le lamentele sono sempre sulle nostre labbra! 

Come possiamo sentirci mandati a testimoniare la verità di Dio se continuiamo a lamentarci di quello che il Signore fa per noi? Il cristiano, per tutta la sua vita, deve essere grato al Signore per il dono della fede e sentendosi amato come un figlio deve vivere con la certezza che “nulla può separarlo dall’amore del Padre” … quindi vive nella serenità e nella pace, perché sa in chi ha posto la propria speranza!!! 

E se così non fosse? … dobbiamo verificare come abbiamo permesso alla fede di crescere dentro di noi … dobbiamo verificare se la nostra vita si è ancorata ai beni della terra invece che ai beni del Cielo! 

Buona settimana!"

Pellegrinaggio Maria SS.ma Del Colle

Padre Gian Paolo,

Le scrivo queste due righe per avere l'occasione di inviare alcune foto del pellegrinaggio a Lenola del 1 giugno 2012.
Con particolare emozione, vorrei segnalare un nuovo evento straordinario: il cipresso seccato e successivamente caduto dalla facciata sinistra del Santuario già da diversi anni, ha ripreso a vegetare, infatti se osservate bene le foto di gruppo scattate all'esterno del Santuario il giorno del pellegrinaggio, sul lato sinistro della facciata si notano due rametti che spuntano esattamente nella stessa posizione del precedente cipresso seccato e poi caduto.
Insomma, il prodigio si ripete dopo quasi 400 anni, Evviva Maria.
Salvatore De Parolis

Dio sempre ascolta con attenzione i suoi figli …

Due domeniche fa, durante la  messa delle 10:00, sono rimasto particolarmente colpito dall'omelia di Padre Giancarlo.
Mi ha letteralmente commosso, scosso e percosso. E' stato come un ceffone che all'improvviso ti desta da un torpore consolidato ed antico.
Allora ho chiesto a Padre Paolo se gentilmente potesse chiedergli di scrivere una breve riflessione per pubblicarla sul sito e condividerla con tutti.
La risposta non ha tardato ad arrivare, e ringrazio di cuore Padre Giancarlo e Padre Paolo per questo dono prezioso.
 
Quando pensiamo che il Signore non ci ascolta dovremmo leggere con molta attenzione il brano della Seconda lettera ai Corinti (12,7-10). “Ti basta la mia grazia” è la risposta che San Paolo si sente rispondere alla sua insistente preghiera di essere liberato da ciò che gli dava fastidio. Dio sempre ascolta con attenzione i suoi figli … ma, come una vera madre ed un autentico padre, da solo ciò che è il bene (ciò che li aiuta ad arrivare alla vita eterna) ai suoi figli! Anche le parole di Gesù “e si meravigliava della loro incredulità” dicono una verità sulla quale è bene che fissiamo la nostra attenzione. 
La fatica del credere è ben nota … ma quando mettiamo dei pregiudizi per non scomodarci nel credere, quando vogliamo che Dio la pensi come noi per non aderire alla sua Parola, quando invece di accogliere ciò che Lui ci dona (il pane del Cielo, un’acqua fresca e zampillante, una Parola di vita …) continuiamo a volere le cipolle d’Egitto (i nostri desideri umani, le nostre voglie …) allora Gesù non riesce a capire che cosa vogliamo. Nonostante tutto pone davanti a noi segni di vita e di amore vero. 
Buona settimana!
 
A volte mi capita di sentirmi completamente invisibile, inutile, totalmente trasparente ed ignorato dalle persone che incontro. Proprio come la fiamma di una candela accesa in una grande stanza, con ampie finestre, illuminata dalla luce accecante del sole di mezzogiorno. Un fiamma che, quindi, passa inosservata, non se ne accorge proprio nessuno.
E questa Parola di Vita arriva a darmi conforto, mi sostiene e mi dice: “Ti basta la mia grazia”, non cerco altro, non voglio altro. Da quando ho capito di non essere solo ho smesso di aver paura, il Padre veglia sui miei passi e mi sostiene col suo amorevole sguardo.
Mi dice che anche io, pur nella mia condizione di peccatore, sono importante ai suoi occhi, e che quella piccola fiammella, incerta e tremante, può rappresentare la salvezza per chi brancola nel buio.
 

Santa Maria Goretti

Il martirio

Sono le prime ore pomeridiane del 5 luglio 1902. Le famiglie Serenelli e Goretti sono intente alla trebbiatura delle fave. Sui covoni, distesi per terra, circolano due carri (le caratteristiche "barozze"), trainati ciascuno da un paio di buoi. Uno dei carri è guidato da Angelo Gorretti, l'altro da Alessandro. Altri tre, dei figli di Assunta, si divertono ad osservare e a salire di tanto in tanto sui carri. Giovanni Serenelli è disteso su una balla di fieno ai piedi della scala di casa, perché malato di malaria.

Maria è sul pianerottolo, in alto, occupata a rammendare una camicia per ordine di Alessandro, e accanto lei Teresina di appena due anni, dorme sopra una imbottita. Assunta è sull'aia e bada a rimettere sul cammino dei carri, con un tridente, le fave che si sparpagliano.
All'improvviso scoppia la tragedia. Alessandro, che ha già preparato il suo piano, salta giù dal suo carro e, fingendo di dover salire un momento in casa per cose urgenti, dice ad Assunta: "Volete guidare un pò voi, finché vado di sopra un minuto?"[…]
 
Continua la lettura : Santa Maria Goretti

 

La Fontana di S.Anna

E' uscito il N.28 del mensile della Commissione Anziani.

  • L'Anno della fede
  • Famiglia: è solo una questione di cultura?
  • E' nato un gemellaggio Mariano: Pontinia – Lenola

 

Per scaricarlo cliccate su Progetto Pastorale -> Consiglio Pastorale -> LA FONTANA DI S.Anna

piamarta3
Agenda
lun 16 Ott
  • 00:00 ~ 23:59
    Inizio Catechesi Ragazzi
  • 21:00 ~ 22:00
    INCONTRO BIBLICO di formazione sulla Parola di Dio
mar 17 Ott
  • 21:00 ~ 22:00
    S. Rosario nelle Famiglie
  • 21:00 ~ 22:00
    Ufficio Pastorale giovanile e Vocazionale Incontro presso la Parrocchia di S. Lucia - Sezze
mer 18 Ott
  • 21:00 ~ 22:00
    S. Rosario dei Giovani Piazza Gigli – Zona Musicisti (preparato dal Gruppo Sportivo)
gio 19 Ott
  • 21:00 ~ 22:00
    Incontro Ministranti adulti
  • 21:00 ~ 22:00
    Gruppo SCOUT – incontro dei genitori
ven 20 Ott
  • 18:00 ~ 19:00
    Adorazione comunitaria al Santissimo per le vocazioni
  • 19:00 ~ 20:00
    Percorso “Primi passi per Educatori ACR” Diocesano
sab 21 Ott
  • 15:30 ~ 16:30
    Incontro di preparazione ai Battesimi
dom 22 Ott
  • 00:00 ~ 23:59
    Giornata missionaria mondiale
  • 11:00 ~ 12:00
    “GIOCA CON NOI, ADOTTA UN REPARTO” Torneo di beneficienza per sovvenzionare un Reparto all’Ospedale (Rotary – Interact)

Gallerie Fotografiche

dscf1734 dscf1264 dscf7017 5-026 dscf7746 DSCF8289 Immagine 397.jpg DSC_0078 DSC_0475 DSC_0150 DSC_0037 Immagine 022.jpg

Omelia Cardinale Martino

Ideologia Gender Part 1

Ideologia Gender Part 2

Dolore e morte

Sostieni anche tu lo SCAIP

Sostieni anche tu lo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Donazione Paypal

Per la gestione del sito, le attività della parrocchia e per le persone bisognose.