Get Adobe Flash player
orario_messe_4

IN EVIDENZA

2 OTTOBRE – Ore 19

S. MESSA e Incontro con i Novizi della
Congregazione di S.G.B. Piamarta
Sono invitati tutti i giovani!


8 OTTOBRE

Festa di inizio delle attività di tutte le realtà parrocchiali


Pellegrinaggio in TERRA SANTA
“Storia e geografia della salvezza” (Paolo VI)

1 – 8 gennaio 2018   Referente: Flora Boschetto

La Fontana di Sant’Anna

La Fontana di Sant’Anna

Periodico della Commissione Anziani

Newsletter S.Anna

Iscriviti alla nostra newsletter e ti terremo informato:

* Questo campo è obbligatorio
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Visitatori Online

Visitatori online – 22:
Utenti – 0
Ospiti – 11
Bots – 11
Il numero massimo di visitatori è stato – 2016-09-03:
Tutte le visite – 5438:
Utenti – 389
Ospiti – 4213
Bots – 836
browser – Firefox 41.0

Compendio biografico

BEATO GIOVANNI BATTISTA PIAMARTA

SACERDOTE, FONDATORE

DELLA CONGREGAZIONE SACRA FAMIGLIA DI NAZARETH

E DELLE UMILI SERVE DEL SIGNORE

 

“Compendio” del profilo biografico e spirituale del Beato Giovanni Battista Piamarta, sacerdote, fondatore della Congregazione della Sacra Famiglia di Nazareth e delle Umili Serve del Signore, nonché le tappe principali della Causa di beatificazione e di canonizzazione.

I

VITA E OPERE

Il Beato Giovanni Battista Piamarta è stato un grande apostolo della carità a cavallo dei secoli XIX e XX. Dedicò la sua vita sacerdotale all’elevazione sociale e cristiana della gioventù bresciana, operando per quasi 50 anni in un ambiente difficile, ma lasciandoci nel contrattempo straordinari esempi di virtù.

Breve profilo biografico – spirituale

Il Beato Giovanni Battista Piamarta nacque a Brescia il 26 novembre 1841 da genitori poveri e onesti: suo padre era barbiere, la madre, donna molto pia, ebbe un influsso decisivo sull’educazione del figlio; purtroppo morì quando egli aveva appena 9 anni. Fu affidato al nonno materno, persona dabbene, che ne ebbe molta cura: lo inviò a scuola e, nelle ore libere, gli faceva frequentare l’oratorio di S. Tommaso, nella parrocchia dei SS. Faustino e Giovita. 

Fu quello un ambiente provvidenziale per il Beato: dotato di una bellissima voce di soprano, entrò a far parte del coro dell’oratorio partecipando soprattutto alle funzioni liturgiche; tutti ne rimanevano ammirati. Da allora la musica e il canto, che era del resto una tradizione di famiglia, gli saranno sempre cari: ne farà uno strumento di formazione per i suoi ragazzi.

Ultimata la scuola, fu impegnato come apprendista materassaio presso alcuni parenti, che ne apprezzarono subito la bontà, la diligenza e l’operosità. Tredicenne, conobbe il parroco di Vallio (BS), Don Pancrazio Pezzana, il quale si rese subito conto della sua disponibilità alla vita sacerdotale; ma, un po’ per la salute cagionevole, un po’ per mancanza di mezzi, Giovanni Battista dovette aspettare fino a 19 anni per entrare nel Seminario di Brescia. Qui, dal 1860 al 1865 si dedicò coscienziosamente allo studio, ma si distinse ancora di più nella pietà e nella disciplina. Il 23 dicembre del 1865 fu ordinato sacerdote.

Per 18 anni e 10 mesi svolse un’intensa attività pastorale in qualità di Viceparroco: oltre tre anni a Carzago Riviera; quasi altri due anni a Bedizzole, con il suo benefattore Don Pezzana che ne aveva fatto espressamente richiesta all’Ordinario; infine per tredici anni consecutivi, a S. Alessandro di Brescia (dicembre 1870 – ottobre 1883), ancora con Don Pezzana che ne apprezzava le qualità sacerdotali.

Fu proprio durante la sua permanenza nella parrocchia di S. Alessandro che il Piamarta rivelò le sue eccellenti doti e profuse le sue migliori energie. Si mostrò sempre obbediente, umile laborioso, illibato, devoto, povero e distaccato, fedelissimo nell’adempimento dei suoi doveri pastorali: catechismo parrocchiale alle varie categorie di fedeli, predicazione, confessioni, direzione dell’oratorio, con assidua assistenza e formazione della gioventù; visite ai poveri, agli ammalati; somma cura della liturgia e del decoro della chiesa, dove rinnovò gli arredi sacri a proprie spese, senza rivendicare mai nulla. Quando l’obbedienza lo chiamò altrove, fu un rimpianto generale.

Il 20 ottobre 1883 fu nominato Parroco di Pavone Mella: trovava un ambiente difficile, dove la massoneria svolgeva opera sistematica di scristianizzazione. Con coraggio e generosità incominciò un’azione pastorale in profondità: catechismo domenicale, lotta al malcostume, oratorio per la gioventù, predicazione, confessioni, visite agli ammalati, assistenza ai poveri. Dava prova di avere preso sul serio la missione di salvare le anime e sentiva il dovere di guidarle con tutte le iniziative pastorali possibili, ma anche con l’esempio di una vita sacerdotale santa. Gli anticlericali lo combattevano, ma il popolo lo apprezzava molto e lo seguiva, e lo ricorderà sempre come un pastore «zelante, eccellente, ineccepibile in tutto».

Nel frattempo, per iniziativa di Mons. Pietro Capretti, amico del Piamarta, con la collaborazione del nostro Beato, il 3 dicembre 1886 fu inaugurato in Brescia l’Istituto dei «Figli di Maria» per la formazione cristiana e l’avviamento professionale dei giovani: una iniziativa lodevole e necessaria, che porterà i suoi frutti, ma che intanto incontrò notevoli difficoltà a incominciare da quelle di carattere economico.

Per due mesi il Piamarta fece la spola fra la parrocchia di Pavone Mella e l’Istituto. Poco dopo il Vescovo lo invitava ad assumere la direzione, rinunziando alla parrocchia. Pertanto il 1° febbraio 1887 lasciò Pavone Mella per prendere le redini dell’istituto «come direttore morale e disciplinare dei giovani» che allora erano soltanto quattro. E quando un anno dopo si parlava di chiudere, disse coraggiosamente al Vescovo: «No, Eccellenza, morirò qui con i miei giovinetti», che ormai erano già una ventina!

La sua carità e il senso di paternità, che lo sosterranno sempre nella sua missione fra la gioventù, andavano progressivamente affermandosi. Armato di fiducia incrollabile nella Provvidenza, di spirito di sacrificio, il Beato affrontò povertà, rischi e fatiche con la benedizione dell’Ordinario. E fu così che divenne il vero fondatore dell’Opera, ribattezzata «Istituto degli Artigianelli», dopo la morte di Mons. Capretti.

L’istituto si sviluppò meravigliosamente e rese incalcolabili benefici a tanti giovani, che altrimenti sarebbero rimasti abbandonati o quasi a se stessi, grazie all’incondizionata dedizione del Beato.

Qualche anno dopo, nel 1895, ancora per interessamento del Piamarta e del parroco di Pompiano, Don Giovanni Bonsignori, sorse la Colonia Agricola di Remedello, per preparare cristianamente e tecnicamente i ragazzi della campagna desiderosi di coltivare la terra. Anche a Remedello il Piamarta tornerà spesso con la sua illimitata carica di umanità e di bontà.

La sua carità non conosceva limiti: nel 1900 fondò la Congregazione maschile della S. Famiglia di Nazareth, approvata nel 1902, per provvedere alla cura delle sue opere. Nel 1911 sarà la volta della Congregazione delle Umili Serve del Signore, per la formazione cristiana e professionale delle ragazze: due fondazioni che continuano ancora oggi la loro preziosa assistenza alla gioventù, nello spirito del Fondatore.

Finché visse, il Piamarta continuò ad interessarsi premurosamente di tutti i problemi dei suoi Istituti, condividendone le gioie e le preoccupazioni quotidiane. Al tempo stesso, quando la salute glielo permetteva, attendeva specialmente alle confessioni, essendo assai ricercato da sacerdoti religiosi e laici. Pregava intensamente davanti al SS.mo e si preparava al grande incontro con Cristo, che sentiva vicino. Tema preferito delle sue lunghe meditazioni era la Passione e Morte del Signore: lo riteneva uno dei mezzi più efficaci anche per l’’adorazione eucaristica.

Gli ultimi anni della sua esistenza furono un vero calvario: alla sciatica, dolorosissima, si aggiunsero disturbi cardiaci, di circolazione e di stomaco, insonnia ed emiplegie seguite ad attacchi di paralisi. Ottenne la premuta dell’Ufficio divino e il permesso di poter celebrare la S. Messa della Beata Vergine Maria e dei Defunti.

Morte del Beato

Il 9 aprile 1913, mentre era in visita alla Colonia di Remedello, ebbe un ultimo attacco. Intuì che l’ora suprema si avvicinava rapidamente e l’attese con serenità di spirito. Il 23 seguente chiese ed ottenne il S. Viatico che ricevette con grande fervore. Poi si addormentò placidamente nel Signore: erano le ore 8 del 25 aprile 1913. Aveva 71 anni e 5 mesi, spesi tutti per raggiungere il cielo!

A distanza di 13 anni, la salma fu traslata nella chiesa dell’Istituto degli Artigianelli, in segno di riconoscenza verso il benemerito Fondatore, a perenne memoria della sua eroica carità.

La Congregazione della S. Famiglia di Nazareth oggi è presente in tre continenti: in Europa (Italia) con dieci comunità; in America Latina con dieci comunità (quattro in Brasile del Nord, quattro in Brasile del Sud e due in Cile); in Africa (Angola) con due comunità e in Mozambico con una comunità.

II

“ITER” DELLA CAUSA

a)   In visita della beatificazione

Dal 1943 al 1948 si svolse il Processo Ordinario Informativo nella diocesi di Brescia. Nel 1958 vi fu un supplemento di istruttoria.

Dopo la Introduzione della Causa (1963), furono celebrati i processi apostolici (1967-1969), che furono riconosciuti validi giuridicamente l’11 aprile 1970.

Preparata la Positio super Virtutibus (1982), il 14 gennaio 1986 si svolse il Congresso Peculiare dei Consultori Teologi ed il 4 marzo seguente la Sessione Ordinaria dei Cardinali e Vescovi.

Il Decretum super Virtutibus è stato promulgato il 22 marzo del 1986.

L’inchiesta diocesana sul presunto miracolo è stata istruita presso la Curia ecclesiastica di Brescia nel 1991.

Il caso fu sottoposto all’esame dei Periti della Consulta Medica il 27 giugno 1996 e a quello dei Consultori Teologi l’8 dicembre 1996. I Cardinali e Vescovi Membri della Congregazione hanno riconosciuto l’inspiegabilità dell’evento e l’intercessione del Venerabile Servo di Dio il 4 marzo 1997.

Il Decretum super Miraculo fu promulgato l’8 aprile 1997.

Il Beato Giovanni Paolo II celebrò il rito della beatificazione il 12 ottobre 1997, in Piazza San Pietro, in Vaticano.

b)   In visita della canonizzazione

In visita della canonizzazione, la Postulazione ha presentato alla Congregazione delle Cause dei santi in’Inchiesta diocesana sula guarigione ritenuta miracolosa del Sig. Estavam Figueiredo de Paula Pessoa da “mediastinite purulenta da perforazione esofagea complicata da pleurite e pericardite. Nel successivo decorso il malato ha avuto una emorragia massiva da lesione ulcerativa del colon trattata con colectomia e ileostomia. Decorso successivo con ascessi multipli addominali drenati chirurgicamente. Anuria trattata con emodialisi” (Relaz. Consulta Medica), avvenuta a Fortaleza (Brasile) nel 2003.

Il materiale probatorio, è stato affidato allo studio di due Periti medico-legali della Congregazione delle Cause dei Santi, i quali hanno dato responso favorevole, permettendo così che si potesse procedere, con esito positivo, all’esame del caso da parte della Consulta Medica il giorno 20 dicembre 2007.

Il congresso dei Consultori Teologi, il 2 luglio 2011, ha riavvisato all’unanimità l’intervento miracoloso di Dio per intercessione del Beato.

La sessione Ordinaria dei Cardinali e Vescovi del 18 ottobre 2011 ha giudicato la guarigione come un vero miracolo.

Sua Santità Benedetto XVI ha autorizzato la congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il Decretum super Miraculo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

piamarta3
Agenda
lun 11 Dic
  • 20:30 ~ 21:30
    INCONTRO BIBLICO di formazione sulla Parola di Dio
mar 12 Dic
  • 21:00 ~ 22:00
    Incontro di preghiera del Rinnovamento nello Spirito presso la Cappella delle Suore (Casa Famiglia)
  • 21:00 ~ 22:00
    Consiglio di AC
mer 13 Dic
  • 21:00 ~ 22:00
    Centri di Ascolto sulla Parola di Dio nelle varie zone
gio 14 Dic
  • 21:00 ~ 22:00
    Prove del Coro di S. Anna
ven 15 Dic
  • 16:30 ~ 17:30
    Centro Giovanile Piamarta (C.G.P.) Corso di Pasticceria per ragazzi e giovani
  • 17:00 ~ 18:00
    Adorazione comunitaria al Santissimo per le vocazioni
  • 21:00 ~ 22:00
    Incontro UNITALSI
sab 16 Dic
  • 00:00 ~ 23:59
    NATALE DI SOLIDARIETA’ – GRUPPO CARITAS RACCOLTA STRAORDINARIA DI VIVERI
  • 07:30 ~ 08:30
    Pellegrinaggio sui luoghi di San Paolo 1° Discepolato
  • 15:30 ~ 16:30
    Incontro di preparazione ai Battesimi
dom 17 Dic
  • 16:00 ~ 17:00
    Incontro Fidanzati

Gallerie Fotografiche

dscf1727 561883_4258198745953_1310207093_n luanda-156 luanda-170 luanda-245 paolo-luanda-1-113 DSCF8811 Immagine 352.jpg Immagine 024 Immagine 125 Immagine 024.jpg DSC_0389

Omelia Cardinale Martino

Ideologia Gender Part 1

Ideologia Gender Part 2

Dolore e morte

Sostieni anche tu lo SCAIP

Sostieni anche tu lo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Donazione Paypal

Per la gestione del sito, le attività della parrocchia e per le persone bisognose.