Get Adobe Flash player
orario_messe_4

IN EVIDENZA

2 OTTOBRE – Ore 19

S. MESSA e Incontro con i Novizi della
Congregazione di S.G.B. Piamarta
Sono invitati tutti i giovani!


8 OTTOBRE

Festa di inizio delle attività di tutte le realtà parrocchiali


Pellegrinaggio in TERRA SANTA
“Storia e geografia della salvezza” (Paolo VI)

1 – 8 gennaio 2018   Referente: Flora Boschetto

La Fontana di Sant’Anna

La Fontana di Sant’Anna

Periodico della Commissione Anziani

Newsletter S.Anna

Iscriviti alla nostra newsletter e ti terremo informato:

* Questo campo è obbligatorio
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Visitatori Online

Visitatori online – 66:
Utenti – 0
Ospiti – 49
Bots – 17
Il numero massimo di visitatori è stato – 2016-09-03:
Tutte le visite – 5438:
Utenti – 389
Ospiti – 4213
Bots – 836
browser – Firefox 41.0

Archivi del mese: luglio 2016

Sant’Anna 2016

Anna e Gioacchino sono i genitori della Vergine Maria. Gioacchino è un pastore e abita a Gerusalemme, anziano sacerdote è sposato con Anna. I due non avevano figli ed erano una coppia avanti con gli anni. Un giorno mentre Gioacchino è al lavoro nei campi, gli appare un angelo, per annunciargli la nascita di un figlio ed anche Anna ha la stessa visione. Chiamano la loro bambina Maria, che vuol dire «amata da Dio». Gioacchino porta di nuovo al tempio i suoi doni: insieme con la bimba dieci agnelli, dodici vitelli e cento capretti senza macchia. Più tardi Maria è condotta al tempio per essere educata secondo la legge di Mosè. Sant’Anna è invocata come protettrice delle donne incinte, che a lei si rivolgono per ottenere da Dio tre grandi favori: un parto felice, un figlio sano e latte sufficiente per poterlo allevare. È patrona di molti mestieri legati alle sue funzioni di madre, tra cui i lavandai e le ricamatrici.

PREGHIERA A SANT’ANNA PER LA PROTEZIONE DEI FIGLI

Gloriosa Sant’Anna, protettrice delle famiglie cristiane, a te affido i miei figli. So che li ho ricevuti da Dio e che a Dio appartengono. Pertanto ti prego di concedermi la grazia di accettare ciò che la Divina Provvidenza ha disposto per loro. Benedicili, o misericordiosa Sant’Anna e mettili sotto la tua protezione. Non ti chiedo per loro privilegi eccezionali. Solamente desidero consacrarti le loro anime e i loro corpi, affinché tu ci possa preservare da ogni male. A te affido le loro necessità temporali e la loro salvezza eterna. Imprimi nei loro cuori, o mia buona Sant’Anna, l’orrore del peccato, allontanali dal vizio, preservali dalla corruzione, conserva nelle loro anime la Fede, la rettitudine e i sentimenti cristiani ed insegna loro ad amare Dio sopra ogni cosa, come lo hai insegnato alla tua purissima Figlia, l’immacolata Vergine Maria. Sant’Anna, tu che sei stata specchio di pazienza, concedimi la virtù di affrontare con pazienza e amore le difficoltà che si presentano nell’educazione dei miei figli. Per loro e per me, chiedo la tua benedizione, o madre celeste piena di bontà. Che ti onoriamo sempre, come Gesù e Maria, che viviamo conformemente alla volontà di Dio e che dopo questa vita incontriamo la beatitudine nell’altra, riunendoci a te nella gloria per tutta l’eternità Così sia.

Una bella sorpresa!

Da “Rivista Pastorale” n.7 luglio 2016

“Complimenti per la sua rivista molto interessante e istruttiva per me Diacono permanente. Molte volte si parla male dei preti e dei loro collaboratori; io voglio spezzare una lancia a favore della Parrocchia di S. Anna in Pontinia (Latina), dove domenica 22 maggio mi sono recato con la mia sposa per un ragazzo che riceveva la prima comunione. Ho trovato un’accoglienza davvero fraterna, iniziando dal Parroco e confratelli della Congregazione Sacra Famiglia di Nazareth (fondata da San Giovanni Battista Piamarta), dai Diaconi permanenti e da tutti i ministri e catechisti. Grazie a Dio ci siamo trovati veramente a casa nostra: questo mi ha fatto molto riflettere, perche anche io posso migliorare nell’accoglienza e nella fratternità.
Complimenti a questa comunità e che Dio li protegga sempre”.

Diacono permanente Antonio Gonnella

Messaggio del Papa per la festa di S. Maria Goretti, “testimone del perdono”

SM Goretti2Mi è stato riferito che durante questo Giubileo della Misericordia le vostre Comunità hanno voluto rivolgere uno sguardo di particolare attenzione a Santa Maria Goretti, venerata come patrona delle vostre Chiese particolari.

La povertà e l’urgente necessità di lavoro spinsero la famiglia Goretti ad emigrare dalla nativa Corinaldo (nelle Marche) nell’Agro Romano prima e poi nel cuore di quelle che erano, all’epoca, le Paludi Pontine, terre fertili ma insidiose a motivo della malaria; lacrime e povertà accompagnavano ieri – come, drammaticamente, ancora oggi – i cammini di famiglie e di popoli che hanno all’origine le cause più varie, fra cui la povertà (cf. Amoris Laetitia n. 46). È una circostanza che ci fa sentire ancora più vicina questa ragazza che, come usavano fare nella famiglia di origine, voi continuate a chiamare Marietta; la famiglia visse con dignità questa situazione e mentre la Mamma Assunta provvedeva al lavoro, Marietta si prendeva cura dei fratelli e accudiva alla casa.

È commovente il fervore con il quale Marietta si preparò a ricevere per la prima volta l’Eucaristia e con cui, in seguito, si accostava alla mensa eucaristica. Anche se, vista la situazione dei luoghi e le circostanze della sua vita, si poté cibare di Cristo solo altre poche volte, una testimone ricorda, in proposito, questa significativa espressione della piccola Goretti: “Quando andiamo a fare la Comunione? Non vedo l’ora !” ; al numero, dunque, supplì l’intensità dell’amore per Gesù Eucaristia, senza la cui forza non avrebbe potuto compiere la scelta fondamentale della sua breve esistenza, per cui il venerabile Pio XII, il giorno della sua canonizzazione, poteva affermare che il candido giglio della sua verginità era stato imporporato dal sangue dei martiri (cf. AAS 42 [1950], 579).

Mi piace oggi porre in evidenza che, nel momento in cui, ferita a morte, compì la scelta suprema della sua vita, Marietta non pensava più a se stessa, ma a proteggere chi la colpiva a morte: «Così vai all’inferno… », ripeteva ad Alessandro Serenelli! Conosciamo pure le parole di perdono che ella ebbe per lui; sul letto di morte, al cappellano dell’ospedale di Nettuno, disse: «Lo perdono e lo voglio con me in paradiso». Nella bolla Misericordiae Vultus ho sottolineato che «il perdono [ … ] diventa l’espressione più evidente dell’amore misericordioso e per noi cristiani è un imperativo da cui non possiamo prescindere. Come sembra difficile tante volte perdonare! Eppure, il perdono è lo strumento posto nelle nostre fragili mani per raggiungere la serenità del cuore» (n. 9). Proprio questa generosissima offerta di perdono accompagna la morte serena della giovane Marietta e costituisce per il suo uccisore l’inizio di quel sincero cammino di conversione che, alla fine, lo condurrà a gustare il fiducioso abbandono nelle braccia del Padre delle misericordie.

So che, in tanti, insieme ai vostri Vescovi e sacerdoti, vi raccogliete nei luoghi legati alla memoria di Marietta: a Le Ferriere, dove fu colpita a morte; presso la «tenda del perdono» a Nettuno, dove morì; al Santuario della Madonna delle Grazie e di Santa Maria Goretti, dove è venerato il suo corpo. Questo recarvi nei luoghi in cui, viva, è la sua memoria, vi stimoli ad impegnarvi, come la Santa che venerate, ad essere testimoni del perdono. Come ho scritto nella bolla Misericordiae Vultus, è «giunto di nuovo per la Chiesa il tempo di farsi carico dell’annuncio gioioso del perdono. È il tempo del ritorno all’essenziale per farci carico delle debolezze e delle difficoltà dei nostri fratelli. Il perdono è una forza che risuscita a vita nuova e infonde il coraggio per guardare al futuro con speranza» (n. 10): è questo l’augurio con cui, di cuore, vi faccio giungere il mio saluto e la mia benedizione e, insieme, la richiesta di non dimenticarvi di pregare per me.

Francesco

Lettera del Papa: Messaggio papa Francesco a Crociata/Semeraro

Festa Sant’Anna 2016 – Programma –

Con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e la collaborazione della Pro Loco

♦ PROGRAMMA RELIGIOSO ♦

  • da Lunedì 18 a Sabato 23 Luglio ore 18:30
    • Novena in onore di S.Anna, seguirà S.Messa
  • Sabato 23 Luglio ore 10:30
    • S.Messa per gli anziani. Seguirà pranzo in parrocchia (off. Caritas)
  • Domenica 24 Luglio 7:30, 9:30, 11:00, 19:00
    • SS. Messe
  • Lunedì 25 Luglio ore 20:30
    • Solenne PROCESSIONE in onore di SANT’ANNA. Percorso: rotonda Corso Europa, Viale Italia, Piazza Indipendenza. Via Cesare Battisti, Piazza Pio VI. S. Messa presieduta da S.E. Mons. Mariano Crociata. Partecipano alle Liturgie: la CORALE S.ANNA e la banda musicale “G. DE JULIS” di Pontinia.
  • Martedì 26 Luglio
    • Ore 7:30, 9:30, 11:00 SS. Messe
    • Ore 19:00 S.Messa solenne con la partecipazione delle autorità

♦ PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI ♦

  • Domenica 3 Luglio
    • Piazza Indipendenza: 1° Raduno “Auto d’Epoca” e Ferrari a cura dell’Ass. G.A.V.E. (gruppo amatori veicoli d’epoca)
  • Domenica 10 Luglio
    • Parcheggio Via Mameli: Rievocazione trebbiatura del grano, esposizione Attrezzi Agricoli d’Epoca a cura dell’ass. G.A.V.E.
  • Giovedì 21 Luglio 
    • Ore 21:00, Oratorio S.Anna: Concerto banda “G. De Julis” Pontinia
  • Venerdì 22 Luglio
    • Ore 21:00, Verde pubblico attrezzato: Finale torneo clacetto S.Anna
  • Sabato 23 Luglio
    • Ore 20:00, Chiesa S.Anna: concerto “Corali Polifoniche” riunite
  • Domenica 24 Luglio
    • Ore 18:00, Cimitero comunale: ricordo dei “Ragazzi Del Cielo”
    • Ore 19:00, S. Messa – Chiesa S.Anna
    • Ore 21:00, Piazza Indipendenza serata musicale con Giosi Cento a cura de “La Vela
  • Lunedì 25 Luglio
    • Ore 22:15, Piazza Indipendenza: serata musicale con “Cosmic Crash” cover band Pink Floyd
  • Martedì 26 Luglio
    • Ore 21:30, Piazza Indipendenza: Roberta Faccani in concerto, a seguire estrazione dei premi della lotteriaSpettacolo Pirotecnico

Locandina da stampare: Programma Festa S.Anna 2016

Madonna di Lourdes a Pontinia dal 2 al 4 luglio 2016

Maria, tu sei apparsa a Bernardetta nella fenditura di questa roccia.

Nel freddo e nel buio dell’inverno,
hai fatto sentire il calore di una presenza,
la luce e la bellezza.
Nelle ferite e nell’oscurità delle nostre vite,
nelle divisioni del mondo dove il male è potente,
porta speranza
e ridona fiducia!

Tu che sei l’Immacolata Concezione,
vieni in aiuto a noi peccatori.
Donaci l’umiltà della conversione,
il coraggio della penitenza.
Insegnaci a pregare per tutti gli uomini.

Guidaci alle sorgenti della vera Vita.
Fa’ di noi dei pellegrini in cammino dentro la tua Chiesa.
Sazia in noi la fame dell’Eucaristia,
il pane del cammino, il pane della Vita.

In te, o Maria, lo Spirito Santo ha fatto grandi cose:
nella sua potenza, ti ha portato presso il Padre,
nella gloria del tuo Figlio, vivente in eterno.
Guarda con amore di madre
le miserie del nostro corpo e del nostro cuore.
Splendi come stella luminosa per tutti
nel momento della morte.

Con Bernardetta, noi ti preghiamo, o Maria,
con la semplicità dei bambini.
Metti nel nostro animo lo spirito delle Beatitudini.
Allora potremo, fin da quaggiù, conoscere la gioia del Regno
e cantare con te:
Magnificat!

Gloria a te, o Vergine Maria,
beata serva del Signore,
Madre di Dio,
Tempio dello Spirito Santo!

Amen!

O Madre mia, é nel vostro cuore che io vengo ad affidare le angosce del mio cuore ed attingervi forza e coraggio."

 

piamarta3
Agenda

Nessun evento da visualizzare

Gallerie Fotografiche

dscf6597 dsc_0041 dsc_0059 dscf7233 luanda-252 paolo-luanda-3-030 DSCF9079 Immagine 299 DSC_0335 DSC_0036 Immagine 022.jpg dscf7445

Omelia Cardinale Martino

Ideologia Gender Part 1

Ideologia Gender Part 2

Dolore e morte

Sostieni anche tu lo SCAIP

Sostieni anche tu lo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Donazione Paypal

Per la gestione del sito, le attività della parrocchia e per le persone bisognose.