Get Adobe Flash player
orario_messe_4

IN EVIDENZA

2 OTTOBRE – Ore 19

S. MESSA e Incontro con i Novizi della
Congregazione di S.G.B. Piamarta
Sono invitati tutti i giovani!


8 OTTOBRE

Festa di inizio delle attività di tutte le realtà parrocchiali


Pellegrinaggio in TERRA SANTA
“Storia e geografia della salvezza” (Paolo VI)

1 – 8 gennaio 2018   Referente: Flora Boschetto

La Fontana di Sant’Anna

La Fontana di Sant’Anna

Periodico della Commissione Anziani

Newsletter S.Anna

Iscriviti alla nostra newsletter e ti terremo informato:

* Questo campo è obbligatorio
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Visitatori Online

Visitatori online – 70:
Utenti – 0
Ospiti – 52
Bots – 18
Il numero massimo di visitatori è stato – 2016-09-03:
Tutte le visite – 5438:
Utenti – 389
Ospiti – 4213
Bots – 836
browser – Firefox 41.0

Archivi del mese: gennaio 2017

E lasciarono tutto per Gesù, come chi trova un tesoro

Il Battista è appena stato arrestato, un'ombra minacciosa cala su tutto il suo movimento. Ma questo, anziché rendere prudente Gesù, aumenta l'urgenza del suo ministero, lo fa uscire allo scoperto, ora tocca a lui. Abbandona famiglia, casa, lavoro, lascia Nazaret per Cafarnao, non porta niente con sé, solo una parola: convertitevi perché il regno dei cieli è vicino. È l'annuncio generativo del Vangelo.
Convertitevi è l'invito a rivoluzionare la vita: cambiate visione delle cose e di Dio, cambiate direzione, la strada che vi hanno fatto imboccare porta tristezza e buio. Gesù intende offrire lungo tutto il Vangelo una via che conduca al cuore caldo della vita, sotto un cielo più azzurro, un sole più luminoso, e la mostrerà realizzata nella sua vita, una vita buona bella e beata.
Ed ecco il perché della conversione: il regno si è fatto vicino. Che cos'è il regno dei cieli, o di Dio? «Il regno di Dio verrà con il fiorire della vita in tutte le sue forme» (Giovanni Vannucci). Il regno è la storia, la terra come Dio la sogna.
Gesù annuncia: è possibile vivere meglio, per tutti, e io ne conosco la via; è possibile la felicità. Nel discorso sul monte dirà: Dio procura gioia a chi produce amore. È il senso delle Beatitudini, Vangelo del Vangelo.
Questo regno si è fatto vicino. È come se Gesù dicesse: è possibile una vita buona, bella e gioiosa; anzi, è vicina. Dio è venuto, è qui, vicinissimo a te, come una forza potente e benefica, come un lievito, un seme, un fermento. Che nulla arresterà.
E subito Gesù convoca persone a condividere la sua strada: vi farò pescatori di uomini. Ascolta, Qualcuno ha una cosa bellissima da dirti, così bella che appare incredibile, così affascinante che i pescatori ne sono sedotti, abbandonano tutto, come chi trova un tesoro. La notizia bellissima è questa: la felicità è possibile e vicina. E il Vangelo ne possiede la chiave. E la chiave è questa: la nostra tristezza infinita si cura soltanto con un infinito amore (Evangelii gaudium).
Il Vangelo ne possiede il segreto, la sua parola risponde alle necessità più profonde delle persone. Quando è narrato adeguatamente e con bellezza, il Vangelo offre risposte ai bisogni più profondi e mette a disposizione un tesoro di vita e di forza, che non inganna, che non delude.
La conclusione del brano è una sintesi affascinante della vita di Gesù. Camminava e annunciava la buona novella, camminava e guariva la vita. Gesù cammina verso di noi, gente delle strade, cammina di volto in volto e mostra con ogni suo gesto che Dio è qui, con amore, il solo capace di guarire il cuore. Questo sarà anche il mio annuncio: Dio è con te, con amore. E guarirà la tua vita.

P. Ermes Ronchi

Grazie per il mio Battesimo

 
Forse non l'ho mai fatto, Signore,
ma oggi voglio ringraziarti per il mio Battesimo.
Quel giorno ricevetti il dono di diventare cristiano.
Non lo scelsi, ma ci pensarono i credenti della mia famiglia,
a partire dai miei cari genitori.
Fui bagnato da un'acqua viva
che avrebbe dissetato mille occasioni della mia quotidianità.
Indossai un vestitino bianco, abito (o "abitudine")
di un Signore che avrebbe ridato vita e amore all'umanità.
Un briciolo d'olio sulla mia fronte
mi avrebbe fatto sentire un re, un sacerdote e un profeta.
Sarebbe stata forza per la missione
di portare nel mondo la bellezza e la guida di Dio.
Una candela fu accesa per me dal cero pasquale.
Attinse dalla tua risurrezione la luce
che avrebbe reso possibile la mia.
Mi furono consegnati un padrino e una madrina,
per accompagnarmi nella fede per gli anni a seguire.
Pregarono per me le persone della comunità,
dandomi l'appuntamento per quando, cresciuto,
avrei interagito con ciascuno di loro.
Ma soprattutto ricevetti il tuo Spirito.
Non so quando imparai a seguire il suo Vento,
ma so che quando spiego le vele,
Lui mi conduce da Te.
 
piamarta3
Agenda

Nessun evento da visualizzare

Gallerie Fotografiche

dscf0726 dscf9224 foto-terra-santa-028 dscf7200 luanda-207 paolo-luanda-1-017 DSCF8428 DSC_0427 DSC_0140 DSC_0029 IMG-20170312-WA0042 DSCF9475

Omelia Cardinale Martino

Ideologia Gender Part 1

Ideologia Gender Part 2

Dolore e morte

Sostieni anche tu lo SCAIP

Sostieni anche tu lo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Donazione Paypal

Per la gestione del sito, le attività della parrocchia e per le persone bisognose.