Get Adobe Flash player
orario_messe_4

IN EVIDENZA

2 OTTOBRE – Ore 19

S. MESSA e Incontro con i Novizi della
Congregazione di S.G.B. Piamarta
Sono invitati tutti i giovani!


8 OTTOBRE

Festa di inizio delle attività di tutte le realtà parrocchiali


Pellegrinaggio in TERRA SANTA
“Storia e geografia della salvezza” (Paolo VI)

1 – 8 gennaio 2018   Referente: Flora Boschetto

La Fontana di Sant’Anna

La Fontana di Sant’Anna

Periodico della Commissione Anziani

Newsletter S.Anna

Iscriviti alla nostra newsletter e ti terremo informato:

* Questo campo è obbligatorio
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Visitatori Online

Visitatori online – 85:
Utenti – 1
Ospiti – 67
Bots – 17
Il numero massimo di visitatori è stato – 2016-09-03:
Tutte le visite – 5438:
Utenti – 389
Ospiti – 4213
Bots – 836
browser – Firefox 41.0

Archivi del mese: maggio 2013

Ciò che è del Padre è anche nostro

La Trinità si delinea in filigrana, nel Vangelo di oggi, non come fosse un dogma astratto ma come un accadimento di vita, una azione che ci coinvolge.
Lo Spirito mi glorificherà: prenderà del mio e ve lo annuncerà.
La gloria per Gesù, ciò di cui si vanta, la pienezza della sua missione consiste in questo: che tutto ciò che è suo sia anche nostro.
Dio gode nel mettere in comune. Ciò per cui Cristo è venuto: trasmettere se stesso e far nascere in noi tutti un Cristo iniziale e incompiuto, un germe divino incamminato.
Tutto quello che il Padre possiede è mio. Il segreto della Trinità è una circolazione di doni dentro cui è preso e compreso anche l'uomo; non un circuito chiuso, ma un flusso aperto che riversa amore, verità, intelligenza fuori di sé, oltre sé. Una casa aperta a tutti gli amici di Gesù.
La gloria di Gesù diventa la nostra: noi siamo glorificati, cioè diamo gioia a Dio e ne ricaviamo per noi godimento e pienezza, quando facciamo circolare le cose belle, buone e vere, le idee, le ricchezze, i sorrisi, l'amore, la creatività, la pace…
Nel dogma della Trinità c'è un sogno per l'umanità. Se Dio è Dio solo in questa comunione di doni, allora anche l'uomo sarà uomo solo nella comunione.
E questo contrasta con i modelli del mondo, dove ci sono tante vene strozzate che ostruiscono la circolazione della vita, e vene troppo gonfie dove la vita ristagna e provoca necrosi ai tessuti. Ci sono capitali accumulati che sottraggono vita ad altre vite; intelligenze cui non è permesso di fiorire e portare il loro contributo all'evoluzione dell'umanità; linee tracciate sulle carte geografiche che sono come lacci emostatici, e sia di qua che di là, per motivi diversi, si soffre…
Tutto circola nell'universo: pianeti e astri e sangue e fiumi e vento e uccelli migratori… È l'economia della vita, che si ammala se si ferma, che si spegne se non si dona. Come nel racconto della ospitalità di Abramo, alla querce di Mambre: arriva uno sconosciuto all'accampamento e Abramo con dolce insistenza lo forza a fermarsi e a mettersi a tavola. All'inizio è uno solo, poi senza spiegazione apparente, i personaggi sono tre.
E noi vorremmo capire se è Dio o se sono solo dei viandanti. Vorremmo distinguere ciò che non va distinto. Perché quando accogli un viandante, tu accogli un angelo, l'ha detto Gesù: ero straniero e mi avete accolto.
L'ospitalità di Abramo al Dio Viandante, Uno e Tre, ha un premio: la fecondità di Sara che sarà madre. Forse qui c'è lo scintillio di un rimedio per la nostra epoca che sta appassendo come il grembo di Sara: riprendiamo anche noi il senso dell'accoglienza e ci sarà vita nella tenda, vita nella casa.
 
P. Ermes Ronchi
 

Pontinia in festa! Prime Comunioni 2013

primacomunioneEcco finalmente arrivato il momento tanto atteso. 
I comunicandi -un centinaio- della nostra Parrocchia di S. Anna, suddivisi in tre turni, sono pronti a ricevere Gesù. E’ un evento di grande entusiasmo per tutta la nostra città.
Dopo due anni di preparazione nella quale i bambini hanno compiuto un impegnativo percorso, curato prima da P. Mario Farinella e poi da P. Nicola Muciaccia, e da noi catechiste, tutti i bambini nei giorni precedenti al loro turno hanno  partecipato ad un ritiro. Un incontro molto ben strutturato ed intenso, ricco di preghiera, di emozioni, di gioco e di riflessioni. La Confessione, vissuta con consapevolezza e gioia.
 I ragazzi hanno manifestato un grande interesse, tanto che uno ha commentato: “E’ stato il più bel giorno di catechismo” ed un altro ha osservato: “la Confessione fa bella la Comunione!”  E’ stato anche messa in evidenza l’importanza della domenica vissuta cristianamente e la responsabilità personale di fronte al dono dell’Eucaristia.
Sì, finalmente è arrivato il momento tanto desiderato. 
E così in queste domeniche, mentre la Corale S. Anna intona il canto  evocativo:“Fanciulli noi siamo, Signore, veniamo a Te, come un giorno, rapiti dal puro tuo volto ,i bimbi correvano a Te…” dalla porta centrale della Chiesa i comunicandi entrano  in fila dietro la croce. Dritti nelle bianche tuniche, composti con le mani giunte si fermano ai loro posti. La loro emozione si trasmette a i tutti fedeli che affollano la Chiesa. I genitori, già in attesa dietro i loro figli , sentono il cuore trasalire di una commozione mai provata. In tutta l’assemblea corre un brivido di emozione e di tenerezza. C’è grande gioia ed emozione.
I bambini chiamati ad uno ad uno per nome, si alzano dicendo: “Eccomi”. 
Anni fa i genitori li portarono all’altare per il Battesimo e loro stessi hanno risposto alle domande nel rito. Ora invece questi figli personalmente rispondono: “Eccomi”. Davanti al Signore cominciano ad essere responsabili di sé. 
Il loro “Eccomi” si traduce poi in un coro di voci bianche, ottimamente diretto da Roberta Cappuccilli, mentre la Corale S. Anna fa da sottofondo, lasciando emergere le fresche vocine che con sicurezza cantano al Signore la gioia di incontrarlo: “Oggi io sarò più vicino a Te, Signore, perché Tu verrai come un amico dentro al mio cuore…”.
P. Valeriano Montini, parroco, sottolinea il significato di questo bel canto, riprendendone le parole “Camminiamo insieme lungo le strade dell’amore, che hai fatto per me, Signore” come augurio che racchiude il senso e il segreto della vita cristiana. 
Seguono le letture liturgiche, con il Vangelo solennemente proclamato dall’alto dell’ambone. È ora il momento dell’omelia. 
 Il Parroco in modo discorsivo e coinvolgente si rivolge ai bambini esaltando la bellezza e l’unicità di questo loro intimo, primo incontro con Gesù nell’Eucaristia. Gesù bussa alla porta del cuore  per offrire il suo amore, la sua consolazione, la sua forza, il suo perdono. Dio vuole abitare in noi, se l’accogliamo. Alla fine racconta  un episodio significativo accadutogli anni fa. Alcune persone povere ed indigenti , sedute fuori della chiesa  più che  spiccioli o  pane rivendicavano il bisogno e il diritto di ricevere Dio,  gridavano:”Give us God!” (Dacci Dio!).
Forse anche noi genitori e tutti noi adulti, a ben pensarci abbiam  seriamente bisogno di Dio, perché corriamo il rischio che la trascuratezza e persino l’abitudine ci rendono superficiali e scarsi portatori di fede e di vero amore a Dio ed al prossimo.
Dopo la silenziosa adorazione durante la Consacrazione, giunge il momento tanto atteso della Comunione. L’atteggiamento composto dei bambini rivela la loro consapevolezza e la loro emozione. Si alzano uno alla volta, a mani giunte. Alle parole “Il Corpo ed il Sangue di Cristo” ciascuno sussurra emozionato: “Amen!” ed il Parroco dà loro l’Ostia consacrata intinta nel Calice.
Restano raccolti in preghiera, con gli occhietti chiusi.  E’ un incontro personale con Gesù. Sono attimi preziosi, di cui solo il Signore e i bimbi conoscono la segreta delizia. 
Quali preghiere abbiano formulato nel loro cuore lo sopranno solo loro, forse han sussurrato: “Ti voglio bene, Gesù. Ti ringrazio di tutto. Ti prego per i miei genitori… Signore voglio essere più buono, più sincero… ”. Così promettono e pregano.
Riprendono  assieme il loro bel canto, come risposta al dono ricevuto. “Insieme a Te, uniti a Te, la nostra vita si trasformerà…”.
Infine vien fatta la preghiera conclusiva, il Presidente raccomanda ai genitori che, baciando i loro bambini, siano profondamente consapevoli di baciare Gesù, ospite del loro cuore.  Ed a ricordo vien data a ciascuno una pergamena ed un interessante libro. L’assemblea si scioglie in applausi.
Noi catechiste siamo state attentissime perché tutto procedesse al meglio, ma ciò che davvero ci interessa e ci auguriamo è che questi bambini conoscano sempre meglio Gesù, si innamorino di Lui e lo “ricevano” spesso. E’ lo stesso Gesù ad invitarci alla sua mensa: “Io sono il pane vivo disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno (Gv. 6, 51).
Questa è la nostra preghiera ed il nostro caloroso augurio ai bambini e alle loro famiglie. 

Le catechiste

Anna Maria, Antonella, Cristina, Laura, Lidia, Teresa

Per una nostra Pentecoste

SantoSpirito1
Cari ragazzi che state per fare la Cresima,
a quest’ora ferveranno i preparativi e un sacco di persone sobilleranno le vostre ansie. Sarà solo una “parata” o qualcosa di più? Questo Spirito Santo di cui tanto abbiamo parlato cambierà qualcosa nella vostra vita? Proprio ieri Enrico mi ha fatto l’elenco dei regali… e lo Spirito sembrava proprio lontano.
In realtà è proprio quello IL regalo, ma è uno dei tanti che mettiamo da parte dopo un’occhiata superficiale, convinti che non serva poi a granché. Eppure a catechismo abbiamo detto che è Sapienza, Intelletto, Consiglio, Forza, Conoscenza, Pietà e Riverenza verso Dio; o in maniera più simbolica che è fuoco che scalda, acqua che disseta, aria da respirare… Tutte cose buone, ma il Vangelo di Pentecoste ci aiuta semplificando: lo Spirito è l’aiuto di Dio per avere la chiarezza della gioia perfetta.
Cari ragazzi, in tutta la vostra vita incontrerete venditori di presunta gioia: l’ultima versione della playstation, un televisore HD o una bianca polverina magica per risolvere ogni problema… a volte sentirete voci opposte e dovrete scegliere: meglio oasi di piacere a buon mercato o apertura a una relazione più impegnativa? Qualche nozione appiccicata lì per avere un “pezzo di carta” o la scommessa nell’imparare per il gusto di conoscere di più e meglio? Una giostra di emozioni o la scelta consapevole per vivere e non sopravvivere?
Gesù non ha mai venduto niente: quello che aveva l’ha semplicemente regalato. I suoi consigli sono gratis, così come è gratis quella potenzialità che oggi viene ribadita da un segno: dentro di voi c’è una voce chiara e limpida che è la gioia. I suoi surrogati come l’istinto, i doveri, addirittura la felicità (che è passeggera, dura poco più di un attimo!), tendono a fuorviarci. La gioia è duratura, anche se spesso non riusciamo a rimanere in Lei. Eppure essa è veramente la voce di Dio, mansueta, attenta, limpida e liberante. Questo è il mio augurio, questa è la mia promessa d’impegno per il tempo che trascorreremo ancora insieme. Aiutarvi a vederla, a sceglierla, a costruirla.
 
Il vostro catechista

Chiamati a lasciarci amare da Dio

La benedizione di Gesù è un abbraccio che dà vita!Se uno mi ama, osserverà la mia parola. Affermazione così importante da essere ribadita subito al negativo: chi non mi ama non osserva le mie parole, non riesce, non ce la può fare, non da solo.
Una limpida constatazione: solo se ami il Signore, allora e solo allora la sua Parola, il tuo desiderio e la tua volontà cominciano a coincidere. Come si fa ad amare il Signore Gesù? L'amore verso di lui è un'emozione, un gesto, molti gesti di carità, molte preghiere o sacrifici? No. Amare comincia con una resa, con il lasciarsi amare. Dio non si merita, si accoglie.

Io sono un campo dove circola vento, cade pioggia di vita, scoccano dardi di sole. «Capisco che non posso fare affidamento sui pochi centesimi di amore che soli mi appartengono, non bastano per quasi nulla. Nei momenti difficili, se non ci fossi tu, Padre saldo, Figlio tenero, Spirito vitale, cosa potrei comprare con le mie monetine?» (M. Marcolini).
Proprio come continua il Vangelo oggi: e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Noi siamo il cielo di Dio, abitati da Dio intero, Padre Figlio e Spirito Santo. Un cielo trinitario è dentro di noi. Ci hanno spesso insegnato che l'incontro con il Signore era il premio per le nostre buone azioni. Il Vangelo però dice altro: se, come Zaccheo, ti lasci incontrare dal Signore, allora sarà lui a trasformarti in tutte le tue azioni.
Simone Weil usa questa delicata metafora: Le amiche della sposa non conoscono i segreti della camera nuziale, ma quando vedono l'amica diversa, gloriosa di vita nuova, con il grembo che s'inarca come una vela, allora capiscono che a trasformarla è stato l'incontro d'amore. Ci è rivolta qui una delle parole più liberanti di Gesù: il centro della fede non è ciò che io faccio per Dio, ma ciò che Dio fa per me. Al centro non stanno le mie azioni, buone o cattive, ma quelle di Dio, il Totalmente Altro che viene e mi rende altro.
Il primo posto nel Vangelo non spetta alla morale, ma alla fede, alla relazione affettuosa con Dio, allo stringersi a Lui come un bambino si stringe al petto della madre e non la vuol lasciare, perché per lui è vita.
Lo Spirito vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quello che vi ho detto. Una affermazione colma di bellissimi significati profetici. Due verbi: Insegnare e Ricordare. Sono i due poli entro cui soffia lo Spirito: la memoria cordiale dei grandi gesti di Gesù e l'apprendimento di nuove sillabe divine; le parole dette «in quei giorni» e le nuove conquiste della mente e dell'anima che lo Spirito induce. Colui che in principio covava le grandi acque e si librava sugli abissi, continua ancora a covare le menti e a librarsi, creatore, sugli abissi del cuore.

P. Ermes Ronchi

piamarta3
Agenda
lun 16 Ott
  • 00:00 ~ 23:59
    Inizio Catechesi Ragazzi
  • 21:00 ~ 22:00
    INCONTRO BIBLICO di formazione sulla Parola di Dio
mar 17 Ott
  • 21:00 ~ 22:00
    S. Rosario nelle Famiglie
  • 21:00 ~ 22:00
    Ufficio Pastorale giovanile e Vocazionale Incontro presso la Parrocchia di S. Lucia - Sezze
mer 18 Ott
  • 21:00 ~ 22:00
    S. Rosario dei Giovani Piazza Gigli – Zona Musicisti (preparato dal Gruppo Sportivo)
gio 19 Ott
  • 21:00 ~ 22:00
    Incontro Ministranti adulti
  • 21:00 ~ 22:00
    Gruppo SCOUT – incontro dei genitori
ven 20 Ott
  • 18:00 ~ 19:00
    Adorazione comunitaria al Santissimo per le vocazioni
  • 19:00 ~ 20:00
    Percorso “Primi passi per Educatori ACR” Diocesano
sab 21 Ott
  • 15:30 ~ 16:30
    Incontro di preparazione ai Battesimi
dom 22 Ott
  • 00:00 ~ 23:59
    Giornata missionaria mondiale
  • 11:00 ~ 12:00
    “GIOCA CON NOI, ADOTTA UN REPARTO” Torneo di beneficienza per sovvenzionare un Reparto all’Ospedale (Rotary – Interact)

Gallerie Fotografiche

dscf6548 dscf3499 dscf7222 paolo-luanda-3-052 dscf7545 DSCF8150 DSCF8793 Immagine 104 DSC_0331 Immagine 016.jpg Immagine 014.jpg DSC_0388

Omelia Cardinale Martino

Ideologia Gender Part 1

Ideologia Gender Part 2

Dolore e morte

Sostieni anche tu lo SCAIP

Sostieni anche tu lo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Il tuo 5×1000 allo SCAIP

Donazione Paypal

Per la gestione del sito, le attività della parrocchia e per le persone bisognose.